Sistemi Produttivi

Sistemi Produttivi – REGIONE MARCHE
La Regione Marche ospita nel suo territorio attività produttive notevolmente diversifichate che si concentrano prevalentemente sulla costa, imprese attive per attività economica Marche e Province 2017.
La attività produttive prima della loro approvazione e, quindi realizzazione sono soggette a valutazioni anche di tipo ambientale che, a seconda della situazione, capacità produttiva o della tipologia di attività, possono essere oggetto di procedure amministrative differenti.
Di seguito sono elencate i principali ambiti di attività della Pubblica Amministrazione nel rilascio di titoli abilitativi ambientali alle su citate attività produttive.
-  VIA/VAS  -  AIA  -  AUA   -  RIR

VIA, VAS e IPPC: la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) e l’autorizzazione integrata ambientale (AIA/IPPC) sono strumenti di valutazione atti a prevenire e/o ridurre gli impatti ambientali di determinati piani, programmi, progetti, attività o installazioni industriali. Questi procedimenti di valutazione ambientale sono regolati dal Codice dell’Ambiente: Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 "Norme in materia ambientale".
Impatti ambientali: effetti significativi, diretti e indiretti, di un piano, di un programma o di un progetto, sui seguenti fattori:
-    popolazione e salute umana;
-    biodiversità, con particolare attenzione alle specie e agli habitat protetti in virtù della direttiva 92/43/CEE e della direttiva 2009/147/CE;
-    territori, suolo, acqua, aria  e clima;
-    beni materiali, patrimonio culturale, paesaggio;
-    interazioni tra i fattori sopra elencati.
Negli impatti ambientali rientrano gli effetti derivanti dalla vulnerabilità del progetto a rischio di gravi incidenti o calamità pertinenti il progetto medesimo. Art. 5 definizioni punto.1. lettera c) del D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152.
AUA: Autorizzazione Unica Ambientale è un provvedimento istituito dal Dpr 13 marzo 2013, n.59 è rilasciato su istanza di parte che include in un unico titolo diverse autorizzazioni ambientali previste dalla normativa ambientale di settore. Si tratta di un unico provvedimento autorizzativo di competenza per l’adozione della Provincia (con durata di 15 anni) che sostituisce e comprende diversi titoli abilitativi in materia ambientale, che prima l’impresa doveva chiedere e ottenere separatamente. Si dotano di AUA i gestori delle imprese non soggette alla disciplina dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) e che per poter operare devono munirsi di almeno uno dei suddetti titoli abilitativi (vengono elencati nella pagina dedicata all’argomento).
RIR: Il Decreto Legislativo 105/2015 della “Attuazione della direttiva 2012/18/UE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose”  identifica come stabilimenti a rischio di incidente rilevante (stabilimenti RIR) quelli nei quali, un evento quale un'emissione, un incendio o un'esplosione di grande entità, dovuto a sviluppi incontrollati, dia luogo ad un pericolo grave (immediato o differito), per la salute umana o per l'ambiente, all'interno o all'esterno dello stabilimento, ed in cui intervengano una o più sostanze pericolose. La Regione Marche con L.R. 4-10-2004 n. 18 ss.mm.ii.  ha disciplinato le competenze amministrative in materia di attività a rischio di incidenti rilevanti connessi a determinate sostanze pericolose, prevedendo che le disposizioni della stessa legge abbiano efficacia a decorrere dalla stipula dell'Accordo di programma tra Stato e Regione. A livello operativo la disciplina delle attività a rischio di incidente è seguita dal Servizio Protezione Civile della Regione Marche.

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.