Accessibility Tools

Siti inquinati

LA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI
Per bonifica di siti contaminati si intendono tutte quelle azioni che hanno lo scopo di eliminare le sostanze inquinanti presenti nel suolo, nel sottosuolo e nelle acque sotterranee, o perlomeno di ridurne la concentrazione entro i limiti di legge.
L’obiettivo finale delle bonifiche ambientali è quindi quello di salvaguardare l’ambiente e la salute pubblica, poiché permettono di recuperare e riqualificare aree compromesse rivestendo un ruolo strategico nella pianificazione territoriale.

ATTIVITÀ DELL’ARPAM
Il ruolo dell’ARPAM è quello di assicurare che venga fatto tutto correttamente per restituire i luoghi contaminati a nuovi usi.
In sintesi l’Agenzia effettua:
1. Sopralluoghi e campionamenti sul campo per tutte le matrici ambientali: dalle indagini preliminari al collaudo finale di bonifica;
2. Valutazioni tecniche dei documenti progettuali relativi alle varie fasi della bonifica;
3. Verifiche di laboratorio per tutte le fasi della bonifica.
4. Supporto alle Province per l’individuazione dei responsabili della contaminazione
5. Gestione dell’Anagrafe dei siti contaminati
6. Predisposizione dell’Analisi di rischio relativa

LE FASI DEL PROCEDIMENTO DI BONIFICA
Un procedimento di bonifica consiste nelle seguenti fasi:
a. comunicazione iniziale da effettuare agli enti di competenza, al verificarsi di un evento potenzialmente in grado di contaminare il sito;
b. definizione preliminare del modello concettuale del sito, ovvero definire le caratteristiche dello stesso e della distribuzione della contaminazione.
c. predisposizione del Piano di Caratterizzazione qualora l’indagine preliminare accerti il superamento delle CSC, consistente nella raccolta di dati storici finalizzata alla ricostruzione di tutte le attività produttive che si sono succedute sul sito, luoghi di accumulo e stoccaggio di rifiuti e/o materie prime, vasche e serbatoi interrati e/o fuori terra, pozzi disperdenti, reti di sottoservizi, etc., e verifica della eventuale presenza di centri di pericolo. Viene quindi definito un protocollo di campionamento ed analisi, con l’indicazione dell’ubicazione e della tipologia delle indagini, del set analitico e delle metodiche analitiche, in modo da acquisire dati rappresentativi delle condizioni del sito;
d. svolgimento delle attività di campo in contraddittorio con ARPA ed esecuzione delle analisi di laboratorio;
e. redazione dell’Analisi di Rischio sito-specifica finalizzata alla determinazione delle Concentrazioni Soglia di Rischio (CSR) accettabile per quel sito specifico: nel caso in cui le concentrazioni dei contaminanti presenti in sito risultano inferiori alle CSR il sito è classificato “non contaminato” ed il procedimento di bonifica avviato si conclude; nel caso in cui le concentrazioni dei contaminanti presenti in sito risultano superiori alle CSR il sito è classificato “contaminato” ed il procedimento di bonifica prosegue;
f. redazione del Progetto Operativo di Bonifica, che individua gli interventi di bonifica del sito, le tecnologie applicabili, i costi ed i tempi previsti per la bonifica e viene approvato da parte dell’autorità competente (Ministero dell’Ambiente, Regione o Comune)
g. collaudo degli interventi di bonifica, da parte di ARPA, al fine di verificare il raggiungimento degli obiettivi stabiliti;
h. redazione della certificazione di avvenuta bonifica.

 

STATISTICA DEI SITI CONTAMINATI NELLA REGIONE MARCHE
 
Le pagine del sito ARPAM dedicate agli INDICATORI AMBIENTALI forniscono il numero e l’ubicazione provinciale dei siti che sono inseriti nel sistema gestionale regionale dei siti contaminati.
In particolare il numero dei siti è suddiviso in tre tipologie, come previsto dal D.Lgs 152/06 Parte IV Titolo V e s.m.i: sono pertanto considerati i siti potenzialmente contaminati, cioè quei siti che hanno rilevato superamenti delle specifiche concentrazioni-soglia di contaminazione, i siti contaminati, cioè quelli che dopo caratterizzazione ed analisi di rischio hanno evidenziato un rischio sanitario/ambientale non accettabile, e infine i siti con procedimento di bonifica concluso.
 
Consulta gli indicatori per anno solare:
Anno 2020
Anno 2021
Anno 2022
Anno 2023
 

 

 

 

  • Ultimo aggiornamento il .
  • Visite: 37629