aria bg

La stima delle emissioni di sostanze inquinanti è stata possibile attraverso una serie di valutazioni sulle attività e sulle pressioni antropiche grazie anche alla banca dati dell'APAT, è stato sostanzialmente un approccio di tipo top-down che permette di avere una informazione quantitativa delle emissioni. Bisogna sottolineare che tale approccio può essere soggetto a degli errori, pertanto l'informazione che si ottiene deve essere confrontata e verificata con altri dati.
Le sostanze inquinanti considerate come emissione medie annuali sono state: biossido di zolfo, monossido di carbonio, biossido di carbonio, ossidi di azoto e composti organici volatili.

L'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente e per i servizi Tecnici (APAT) nelle "linee guida agli inventari locali di emissione in atmosfera" (rapporto RTI CTN_ACE 3/2001) individua per la compilazione di un inventario delle emissioni undici settori.
Per una stima regionale delle emissioni sono stati presi in considerazione i sei seguenti settori ritenuti significativi per il territorio della Regione Marche:
  • Trasporti Stradali
  • Trasporti Marittimi
  • Traffico Aereo
  • Combustione Energia (impianti termici > 50 MW)
  • Combustione Energia (impianti termici < 50 MW)
  • Combustione Terziario - Residenziale
  • Uso Industriale Solventi
Per ogni settore sono state valutate le emissioni di biossido di zolfo, monossido di carbonio, ossido di azoto, particolato (PM), composti organici volatili non metanici, benzene e biossido di carbonio.
Le emissioni di benzene sono state calcolate esclusivamente per il settore trasporti stradali che è il più rappresentativo per tale inquinante. L'inserimento dei settori trasporti marittimi e traffico aereo è dovuto al fatto che nella provincia di Ancona sono presenti il principale porto e aeroporto della Regione.
Nel settore combustione energia sono stati inseriti tutti gli impianti di combustione aventi potenzialità termica superiore a 50 MW presenti sul territorio regionale: Raffineria API di Falconara Marittima, IGCC di Falconara Marittima, centrale termoelettrica Jesi Energia S.p.A. di Jesi, centrale termoelettrica della ditta SADAM di Jesi e di Fermo e centrale termoelettrica della ditta Cartiere Miliani di Fabriano che rientrano nella Direttiva 88/609.

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.