Accessibility Tools

12.04.2023 ARPAM E UNIMC: UN ACCORDO PER LA TRANSIZIONE DIGITALE

ARPAM E UNIMC: UN ACCORDO PER LA TRANSIZIONE DIGITALE
I due enti collaboreranno per progetti di gestione dei documenti inerenti alla salvaguardia ambientale e alla crescita della cultura della protezione del territorio.

Cinque anni per attuare insieme progetti di ricerca e sviluppo in aree tematiche di comune interesse e promuovere specifiche attività di formazione: è questo l’oggetto dell’accordo quadro stipulato tra l’ARPAM, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale delle Marche, e l’Università di Macerata. Lo scopo è sostenere e potenziare, nell’ambito dei rispettivi compiti istituzionali, attività e iniziative per la crescita professionale e culturale in un contesto volto allo sviluppo sostenibile.

“Il nostro Ateneo - sottolinea il Rettore UniMc John McCourt - mette a disposizione competenze ed esperienze consolidate nell’archivistica digitale, un campo che richiede conoscenze e competenze specifiche per garantire la conservazione a lungo termine dei dati digitali. Con l’ARPAM potremo lavorare insieme per la transizione alla modalità digitale e per lo sviluppo di attività di ricerca e progettazione”.

“Un accordo che risponde appieno agli obiettivi dell’Agenzia – ha proseguito il Direttore Generale dell’ARPAM Rossana Cintoli - per la quale resta fondamentale sostenere processi di sviluppo fondati sulla più ampia diffusione del patrimonio di conoscenze sullo stato dell’ambiente. In questo senso, restare al passo con l’innovazione digitale è una scelta che ARPAM ha costantemente perseguito, un imperativo che non può che andare a beneficio della comunità scientifica e di tutta la collettività”.

Rossana Cintoli JohnMcCourt StefanoPigliapoco

Da sinistra: Rossana Cintoli DG ARPAM, John McCourt Rettore UniMc, Stefano Pigliapoco Docente UNIMC e referente del progetto

In particolare, l’accordo è finalizzato alla progettazione e attuazione di studi e attività negli ambiti della condivisione di dati, delle esperienze e dei moderni scenari tecnologici al fine di sviluppare programmi di ricerca di comune interesse, nonché definire nuovi progetti di ricerca e sviluppo, anche per la partecipazione congiunta a bandi e programmi di ricerca regionali, nazionali, europei e internazionali, e infine realizzare collaborazioni tecnico-scientifiche focalizzate su temi specifici.

Non manca, in seno all’intesa, la previsione della promozione di attività di diffusione della cultura scientifica, tecnologica e ambientale sul territorio, che vedrà realizzare corsi e seminari, conferenze e dibattiti anche in sinergia con altre istituzioni locali e nazionali.

Per l’Università di Macerata, ad occuparsi della realizzazione delle attività previste nell’accordo sarà il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Ateneo, presso il quale è attivo da tempo un Centro interdipartimentale per l’innovazione, la digitalizzazione, l’internazionalizzazione e il management, che dispone di competenze specialistiche nel campo dell’archivistica e dell’informatica documentale, con particolare riguardo agli aspetti organizzativi, archivistici e giuridici ed economici. Referente scientifico e coordinatore dell’accordo sarà Stefano Pigliapoco, docente di archivistica, bibliografia e biblioteconomia e direttore del Master in archivi digitali che, giunto alla sedicesima edizione, si è confermato come autorevole punto di riferimento in materia.

Guarda il video con le interviste


 

  • Ultimo aggiornamento il .
  • Visite: 1135