INDICATORE AMBIENTALE: ATTIVITÀ ISPETTIVA AIA - AUA (2021)

  rumore image

 INDICATORE    OBIETTIVO    DPSIR    STATO ATTUALE   TREND  
 
ATTIVITÀ ISPETTIVA AIA - AUA                
  Conoscere il numero delle attività soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e Autorizzazione Unica Ambientale (AUA), e i dati sulle attività di espressione di pareri e ispettiva eseguite dall'ARPAM.    SR
  stato positivo   trend miglioramento

Legenda:

DPSIR:           |  D - Determinante  |  P - Pressione  |  S - Stato  |   I - Impatto  !  R - Risposta
Stato attuale:  | stato positivo  positivo  |  stato intermedio incerto  Intermedio o incerto  |  stato negativo  Negativo
Trend:            | trend miglioramento  In miglioramento  |  trend stabile incerto  Stabile o incerto  | 
trend peggioramento In peggioramento
Sigle utilizzate:   AIA --> Autorizzazione Integrata Ambientale   |   AUA --> Autorizzazione Unica Ambientale

 
CARATTERISTICHE DELL'INDICATORE (METADATI)
 
Descrizione          
    
Per attività produttive si intendono tutte le attività di produzione di beni e servizi, incluse le attività agricole, commerciali e artigianali, le attività turistico alberghiere, i servizi di banche e intermediari finanziari e quelli di telecomunicazioni.

Prima della messa in esercizio, e in taluni casi  anche nel corso dell'attività, esse sono soggette a valutazioni anche di tipo ambientale che, a seconda della situazione, del tipo di produzione, capacità produttiva e altri fattori possono essere oggetto di procedure amministrative ambientali differenti.
La Regione Marche ospita nel suo territorio attività produttive notevolmente diversificate, che si concentrano prevalentemente sulla costa.

Definizioni    
I principali ambiti di attività della Pubblica Amministrazione nel rilascio di titoli abilitativi ambientali alle attività produttive sono relativi ai due tipi di autorizzazione denominati Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e Autorizzazione Unica Ambientale (AUA).
Rientrano nelle procedure di AIA le imprese operanti nel campo delle attività energetiche e della produzione e trasformazione di metalli, l'industria dei prodotti minerali e quella chimica, la gestione dei rifiuti ecc. (Allegato VIII al D. Lgs. n. 152/2006, impianti di competenza regionale) nonché le raffinerie, le centrali termiche, le acciaierie e i grandi impianti chimici (Allegato XII al D. Lgs. n. 152/2006 - impianti di competenza statale).
Sono invece soggetti ad AUA i gestori delle imprese non soggette alla disciplina dell’AIA che necessitino comunque di uno o più titoli abilitativi inerenti, ad esempio, l'autorizzazione agli scarichi, l'utilizzazione agronomica degli effluenti da allevamento, delle acque di vegetazione dei frantoi oleari, le emissioni in atmosfera, l'utilizzo di fanghi derivanti da processi di depurazione in agricoltura, il trattamento di rifiuti nelle condizioni non già soggette alla disciplina dell'AIA.

Riferimento normativo  Direttiva 2010/75/UE; D. Lgs. n. 152/2006; Legge n. 35/2012; D.P.R. n. 59/2013
Obiettivi normativi
L'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ha per oggetto – ai sensi dell’art. 4, comma 4, lettera c), del D.Lgs. 152/2006 - la “prevenzione e la riduzione integrate dell'inquinamento proveniente dalle attività di cui all'allegato VIII e prevede misure intese a evitare, ove possibile, o a ridurre le emissioni nell'aria, nell'acqua e nel suolo, comprese le misure relative ai rifiuti, per conseguire un livello elevato di protezione dell'ambiente salve le disposizioni sulla valutazione di impatto ambientale”. 
L’Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) pone invece come centrale un obiettivo di semplificazione rispetto alle procedure di rilascio dell'AIA, che si sviluppa secondo tre direttrici: l’AUA deve portare alla sostituzione di «ogni atto di comunicazione, notifica ed autorizzazione previsto dalla legislazione vigente in materia ambientale»; è rilasciata da un unico ente, lo Sportello unico per le attività produttive (SUAP); il relativo procedimento, nel tutelare gli interessi pubblici ambientali, sociali ed economici, deve rispettare il criterio di proporzionalità «degli adempimenti amministrativi in relazione alla dimensione dell’impresa e al settore di attività», senza comportare maggiori oneri a carico delle imprese (art. 23, comma 1, d.l. n. 5/2012, conv. in legge n. 35/2012).

Fonte dati ARPAM
Unità di misura numero
Unità elementare di rilevazione Azienda, controllo, parere
Livello_minimo_geografico                
Provincia
Copertura geografica  Regione Marche
Periodicità rilevamento dati Continua
Periodicità rilevamento indicatore
Annuale
Copertura temporale  2019 - 2020
Ultimo aggiornamento indicatore 26/10/2021
Prossimo aggiornamento indicatore Ottobre 2022
 
 
 AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE
 
L'Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) è un provvedimento che autorizza l’esercizio di un impianto o di parte di esso a determinate condizioni, al fine di uniformarsi ai principi della "Prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento". L' A.I.A. considera la prestazione globale dell'impianto nei confronti dell'ambiente (integrated pollution prevention and control - IPPC), come previsto dalla normativa europea.
Sono soggette ad A.I.A. le categorie industriali riferite a:
- attività energetiche;
- produzione e trasformazione di metalli;
- industria dei prodotti minerari;
- gestione dei rifiuti;
- altre attività (cartiere, allevamenti, macelli, industrie alimentari, concerie…)
 
Attività soggette ad A.I.A. nelle Marche
 
Nella regione Marche sono attualmente 186 le attività soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale.  I grafici sottostanti esprimono l'ubicazione per provincia e la ripartizione per tipologia di dette attività.
 
 
 AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE
 
L’Autorizzazione Unica Ambientale interviene nei confronti di attività non soggette ad A.I.A., in particolarmodo piccole e medie imprese, compiendo una verifica tendenzialmente unitaria della compatibilità ambientale delle attività produttive suscettibili di avere un impatto negativo sull’ambiente.
Nelle Marche si stimano in 5.860 le attività soggette a questo tipo di autorizzazione.
 
 ATTIVITÀ DELL'ARPAM: PARERI E CONTROLLI
 
Nell’ambito delle funzioni di prevenzione, tutela e controllo del territorio e dell’ambiente, l'ARPAM supporta l’Autorità Competente (Regione Marche, Province e Comuni) nel rilascio di titoli autorizzatori attraverso la formulazione di pareri e supporto tecnico durante l’istruttoria propedeutica al rilascio delle autorizzazioni ambientali AIA e AUA; l’Agenzia inoltre effettua attività di controllo presso le attività produttive a seguito di esposti e segnalazioni dei cittadini e delle Autorità Compenti per verificare il rispetto della normativa ambientale di settore e delle prescrizioni imposte con le autorizzazioni.
Il parere dell’ARPAM si sostanzia in una valutazione tecnica sulle interazioni positive e negative delle nuove attività sulle diverse matrici ambientali (principalmente aria, acqua, rifiuti, suolo, sottosuolo, rumore, radiazione non ionizzanti,  consumo di risorse e produzione di rifiuti) in base alla documentazione istruttoria inviata dal richiedente, e nell'analisi di conformità ai requisiti normativi della proposta progettuale, anche mediante uso di modellistica o misure dirette, cui segue l’emissione del parere alla autorità competente.  
Le attività di controllo, nel caso specifico delle aziende con Autorizzazione Ambientale Integrata, sono effettuate secondo un piano di controlli triennale approvato dalla Autorità Competente, la Regione Marche. Il controllo presso le aziende è un’attività complessa che si esplica sia nel valutare la conformità della gestione degli aspetti ambientali da parte del gestore (come ad esempio la corretta conduzione, gestione e manutenzione degli impianti quali depuratori di acque industriali, impianti di abbattimento delle emissioni in atmosfera ecc.) come definito nelle prescrzioni della autorizzazioni, e sia, a seconda dei casi e delle valutazioni di rischio, nell’effettuare campioni sulle matrici ambientali, verificare il rispetto del Piano Acustico Comunale e procedere con misure di campi elettromagnetici.
L'esito dell'attività di accertamento può, nei casi di violazione delle norme e in relazione alla loro gravità, scaturire in una segnalazione di illecito amministrativo o illecito penale e conseguentemente nell'avvio dei relativi procedimenti giudiziari.
 
Numero pareri e controlli
 
AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE: pareri emessi per provincia, anni 2019-2020
 
 
 
AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE: pareri emessi per provincia, anni 2019-2020
 
 

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE: controlli e ispezioni effettuate per provincia, anni 2019-2020

 

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE: controlli e ispezioni effettuate per provincia, anni 2019-2020

 
 

ARGOMENTI CORRELATI

Per approfondimenti e ulteriori notizie, è possibile consultare:
Temi ambientali: Sistemi produttivi
Regione Marche: Statistiche Industria e Artigianato 
(link esterno)


 

 

  • Ultimo aggiornamento il .
  • Visite: 135

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.