INDICATORE AMBIENTALE: CONSUMO DI SUOLO

consumo di suolo

 

 

 

 INDICATORE    OBIETTIVO    DPSIR    STATO ATTUALE   TREND  
 
CONSUMO DI SUOLO                      
  Conoscere l’evoluzione del fenomeno di consumo di suolo, delle dinamiche di trasformazione del territorio e della crescita urbana.    S
  stato intermedio incerto   trend stabile incerto

Legenda:

DPSIR:           |  D - Determinante  |  P - Pressione  |  S - Stato  |   I - Impatto  !  R - Risposta
Stato attuale:  | stato positivo  positivo  |  stato intermedio incerto  Intermedio o incerto  |  stato negativo  Negativo
Trend:            | trend miglioramento  In miglioramento  |  trend stabile incerto  Stabile o incerto  | 
trend peggioramento In peggioramento
Sigle utilizzate:  

 
CARATTERISTICHE DELL'INDICATORE (METADATI)
 
Descrizione          
    
L'indicatore fornisce il quadro aggiornato dei processi di trasformazione della copertura del suolo e permette di valutare l’impatto del consumo di suolo sul paesaggio e sui servizi ecosistemici.
La principale causa di degrado del suolo in Europa è costituita dall’impermeabilizzazione, fattore che comporta un rischio accresciuto di inondazioni, contribuisce ai cambiamenti climatici, minaccia la biodiversità, provoca la perdita di terreni agricoli fertili e aree naturali e seminaturali, concorre infine, insieme alla diffusione urbana e alla progressiva e sistematica distruzione del paesaggio, soprattutto rurale, alla perdita delle capacità di regolazione dei cicli naturali e di mitigazione degli effetti termici locali (Commissione Europea, 2012).
Le attività di monitoraggio del territorio in termini di uso, copertura e consumo di suolo nel nostro Paese, assicurate dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA), permettono di avere un quadro aggiornato annualmente dell’evoluzione dei fenomeni di consumo di suolo, delle dinamiche di trasformazione del territorio e della crescita urbana, in particolare, attraverso la produzione di cartografia tematica e l’elaborazione di indicatori specifici.

Riferimento normativo
- Legge 28 giugno 2016, n. 132 “Istituzione del Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente e disciplina dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale.”
- L.R. Marche 23/11/2011 n. 22 "Norme in materia di riqualificazione urbana sostenibile e assetto idrogeologico e modifiche alle Leggi regionali 5 agosto 1992, n. 34 "Norme in materia urbanistica, paesaggistica e di assetto del territorio" e 8 ottobre 2009, n. 22 "Interventi della regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l'occupazione, migliorare la sicurezza degli edifici e promuovere tecniche di edilizia sostenibile".
Orientamenti comunitari:
- azzeramento del consumo di suolo netto entro il 2050 (Parlamento europeo e Consiglio, 2013);
- protezione adeguata del suolo anche con l’adozione di obiettivi relativi al suolo in quanto risorsa essenziale del capitale naturale entro il 2020 (Parlamento europeo e Consiglio, 2013);
- allineamento del consumo alla crescita demografica reale entro il 2030 (UN, 2015);
- bilancio non negativo del degrado del territorio entro il 2030 (UN, 2015).

Obiettivi normativi Avere un quadro aggiornato annualmente dell’evoluzione dei fenomeni di consumo di suolo, delle dinamiche di trasformazione del territorio e della crescita urbana, in particolare, attraverso la produzione di cartografia tematica e l’elaborazione di indicatori specifici.
Fonte dati ARPAM
Unità di misura ettari, %
Unità elementare di rilevazione Estensione territoriale regione Marche
Livello_minimo_geografico                
Comune
Copertura geografica  Regione Marche
Periodicità rilevamento indicatore
Annuale
Copertura temporale  2016 - 2020
Ultimo aggiornamento indicatore 27/07/2021
Prossimo aggiornamento indicatore Luglio 2022
GESTIONE DELLA R.R.Q.A.

 
 IL RUOLO DI ARPA MARCHE
 

ARPA Marche fa parte della "Rete nazionale di Referenti per il Monitoraggio del territorio e del consumo di suolo" attraverso la quale ISPRA e molte Agenzie Ambientali (ARPA/APPA) curano il monitoraggio del consumo di suolo in Italia, il cui quadro conoscitivo è disponibile grazie ai dati aggiornati annualmente nel Rapporto annuale sul Consumo di Suolo.
La metodologia di analisi definita e adottata dal gruppo di lavoro si avvale in modo unitario ed omogeneo su scala nazionale delle nuove immagini satellitari Sentinel prodotte nell’ambito del Programma europeo Copernicus.
La classificazione delle serie temporali del consumo di suolo avviene attraverso l'utilizzo di tecniche di telerilevamento satellitare e di sistemi informativi geografici (GIS) per l’analisi e classificazione semi-automatica delle aree interessate, a partire dal trattamento delle immagini registrate dalla costellazione di satelliti Sentinel 2A e 2B nel corso di ogni anno.

 
 
IL CONSUMO DI SUOLO NELLE MARCHE - I DATI ANNO 2020   
     

Marche suolo 2020
Rispetto all'anno precedente, nell'anno 2020 sono stati consumati 145,29 ettari in più di suolo marchigiano; l'incremento - pari a circa lo 0,22% - si pone in linea con quello nazionale.
Al 31/12/2020 il consumo di suolo totale nelle Marche  è pari a 64.887,46 ettari complessivi, corrispondenti al 6,9% dell'intera superficie regionale. Quest'ultimo dato si colloca sotto la media nazionale, che per l'anno 2020 è pari al 7,1%.

 
     
 
CONSUMO DI SUOLO AL 31/12/2020 - DETTAGLIO COMUNALE
La mappa mostra il dettaglio della percentuale di suolo consumato a livello comunale riferito alla data del 31/12/2020 (il colore verde scuro indica i valori più bassi, il rosso scuro quelli più alti).
NOTA: il Comune di Monteciccardo, che dal 1 luglio 2020 è frazione del Comune di Pesaro, riporta la percentuale rilevata per quest'ultimo.

 
 
La tabella riporta il dettaglio di consumo di suolo complessivo a livello comunale riferito alla data del 31/12/2020.
È possibile effettuare la ricerca per singolo comune (utilizzando il campo "Cerca") e ordinare i dati per Comune, per ettari di suolo consumato e percentuale sul totale della superficie comunale.
 
 
 
 
ANDAMENTO DEL CONSUMO DI SUOLO NEGLI ANNI 2016-2020 (TREND)
I dati aggiornati al 2020 per la Regione Marche collocano i valori di suolo coperto artificialmente (64.887,46 ha, pari al 6,9% della superficie regionale) sotto la media nazionale (7,1%), ma con un costante leggero incremento nel quinquennio 2016-2020 (+ 128 ha rispetto dal 2016 al 2017, + 178 ha dal 2017 al 2018, + 201 ha dal 2018 al 2019 e + 145 ha dal 2019 al 2020), confermato in tutte le cinque le province.
Si mantiene costante nel tempo il differenziale con la media nazionale, che vede le Marche al di sotto di -0,2 punti percentuali.

TREND REGIONE MARCHE E CONFRONTO CON IL DATO NAZIONALE
 
Nel grafico che segue, il dato è espresso in: consumo totale di suolo in ettari al 31/12 dell'anno di riferimento; percentuale di suolo consumato rispetto all'estensione totale al 31/12 dell'anno di riferimento; incremento di consumo di suolo in ettari rispetto all'anno precedente.
 
Il grafico che segue esprime l'andamento percentuale di consumo di suolo totale al 31/12 dell'anno di riferimento per l'Italia e per le Marche.
DETTAGLIO ANDAMENTO PER PROVINCIA 2016-2020
 
Nel grafico che segue, il dato esprime il consumo totale di suolo in ettari al 31/12 dell'anno di riferimento, per provincia. In ultima colonna è riportato l'incremento in ettari calcolato sull'ultimo biennio 2019-2020.
 

ARGOMENTI CORRELATI

Per approfondimenti e ulteriori notizie, è possibile consultare:
ISPRA - I dati sul consumo di suolo (link esterno)
Portale "Il consumo di suolo in Italia" (link esterno)


 
 
  • Ultimo aggiornamento il .
  • Visite: 474

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.