INDICATORE AMBIENTALE: POLLINI E SPORE

scarichi idrici

 

 

 

 
 
 INDICATORE    OBIETTIVO    DPSIR    STATO ATTUALE TREND  
 
POLLINI E SPORE
  Conoscere la concentrazione di pollini e spore dispersi in atmosfera   S
   stato positivo    trend miglioramento 

Legenda:

DPSIR:           |  D - Determinante  |  P - Pressione  |  S - Stato  |   I - Impatto  !  R - Risposta
Stato attuale:  | stato positivo  Positivo  |  stato intermedio incerto  Intermedio o incerto  |  stato negativo  Negativo
Trend:            | trend miglioramento  In miglioramento  |  trend stabile incerto  Stabile o incerto  | 
trend peggioramento In peggioramento
Sigle utilizzate: Si veda la sezione "I dati aerobiologici"          
            
CARATTERISTICHE DELL'INDICATORE (METADATI)
 
Descrizione                 
    
L’indicatore permette di conoscere gli aggiornamenti e le previsioni della componente biologica dispersa in atmosfera in concentrazioni di pollini e spore, espressi in granuli per m3, come parte integrante della qualità dell’aria nelle Marche.
La concentrazione è relativa alle diverse famiglie botaniche (taxa) scelte fra quelle di maggiore interesse allergenico in quanto capaci di scatenare allergie (Pollinosi).
Esso viene realizzato attraverso la Rete di monitoraggio aerobiologico istituita nell’anno 2009 ed attualmente composta da n. 4 stazioni.
Un bollettino settimanale viene pubblicato sulla piattaforme di Pollnet, sul portale ARPAM e nell’APP di ARPA Marche.
Definizione
L’aerobiologia è una disciplina scientifica che studia le sorgenti, la dispersione, il trasporto e la deposizione delle particelle di origine biologica presenti nell’atmosfera, nonché la loro concentrazione ed i loro effetti in ambienti confinati e non. I pollini studiati sono quelli provenienti da piante anemofile, cioè quelle che affidano al vento il loro trasporto (volo pollinico) necessario per la riproduzione.
L’indicatore fornisce i dati ricavati dai valori giornalieri di concentrazione dopo il riconoscimento e conta manuale del quantitativo totale di pollini e spore aerodispersi nelle 24h. I risultati puntuali del monitoraggio sono riportati nei bollettini settimanali espressi in granuli/m3 di aria per ogni taxa pollinico.
Il campionamento avviene ogni lunedì nelle quattro stazioni di monitoraggio della regione.
Riferimento normativo
Le norme tecniche di riferimento per garantire l’omogeneità dei dati prodotti sono la UNI 11108 e UNI 16868 e le “Linee guida per il monitoraggio aerobiologico Pollnet” (Delibera del Consiglio Federale . Seduta del 03.11.2015.Doc.n.61/15 – CF), che costituiscono il documento operativo attraverso il quale la rete definisce procedure tecniche coerenti con i principi e gli obiettivi indicati, al fine di garantire qualità, affidabilità e omogeneità dei dati forniti da tutti i Centri di monitoraggio che ad essa afferiscono.
Obiettivi normativi Conoscere le concentrazioni giornaliere di pollini e spore offre un valido contributo principalmente per scopi sanitari legati alla cura e diagnosi delle allergie. Il monitoraggio in continuo è utilizzato anche per tematiche ambientali, in quanto garantisce un controllo indiretto delle biodiversità sia in merito alla perdita di specie autoctone che all’inserimento di nuove specie aliene (alloctone). Lo studio del loro trend negli anni permette inoltre di monitorare il complesso argomento dei cambiamenti climatici, con riferimento alla protezione della salute umana, degli ecosistemi e della vegetazione.
Le concentrazioni delle spore fungine in atmosfera, invece, sono utilizzate per prevedere fitopatologie in campo agronomico e per evitare perdite di raccolti.
Ad oggi, per le molteplici variabili connesse, non sono stati individuati valori soglia per le concentrazioni polliniche delle varie piante anemofile al di sopra dei quali si manifestano i sintomi di rinite o asma bronchiale.
Fonte dati ARPA Marche - Archivio centro aerobiologia / Bollettini polline e spore
Unità di misura Granulo/m3, numero, percentuale
Unità elementare di rilevazione Centralina di monitoraggio
Livello_minimo_geografico                
Provincia
Copertura geografica  Regione Marche
Periodicità rilevamento dati Settimanale
Periodicità rilevamento indicatore
Annuale
Copertura temporale  2010 - 2020
Ultimo aggiornamento indicatore 26/03/2021
Prossimo aggiornamento indicatore Marzo 2022
 

I DATI AEROBIOLOGICI
 

I dati prodotti in ogni singola stazione sono espressi in granuli di polline, o numero di spore fungine, per metro cubo di aria campionata e la lettura al microscopio viene fatta in ogni vetrino, per i sette giorni di durata del campionamento. La concentrazione di pollini/spore presenti nell’aria è rilevata con frequenza giornaliera da stazioni meccaniche site nei tre comuni descritti precedentemente. Ogni settimana vengono emessi bollettini di sintesi integrati dal commento dell’aerobiologo.
I dati delle concentrazioni sporopolliniche vengono impiegati:
1. in campo ambientale per integrare il monitoraggio della qualità dell’aria e valutare le biodiversità delle specie vegetali, nonché studiare l’impatto dei cambiamenti climatici sulla flora autoctona;
2. per valutare il rischio sanitario legato alle allergie, producendo informazioni utili alla diagnostica;
3.
in campo agronomico per monitorare le biodiversità autoctone e l’eventuale presenza di specie alloctone invasive per le colture, nonché per prevenire la comparsa di fitopatologie attraverso il conteggio delle spore fungine disperse in aria.

I dati raccolti possono essere sintetizzati tramite indicatori che forniscono informazioni sulla biodiversità floristica di un territorio, sulla sua potenziale carica allergenica e su come queste possano variare negli anni a causa di diversi fattori, tra cui inquinamento e cambiamenti climatici.
I principali indicatori sono rappresentati da:
Indice Pollinico Allergenico: un numero adimensionale ottenuto dalla somma delle concentrazioni giornaliere dei pollini emessi in atmosfera dalle sette famiglie botaniche, che rappresentano la quasi totalità dei pollini allergenici monitorati sul territorio italiano: Betulaceae (Betula, Alnus), Corylaceae (Corylus, Carpinus, Ostrya), Oleaceae (Olea, Fraxinus), Cupressaceae-Taxaceae, Graminaceae, Compositae (Artemisia, Ambrosia, Altre), Urticaceae;
Stagione Pollinica Allergenica: il periodo di tempo in cui ognuna delle famiglie botaniche disperde in atmosfera quantità significative di polline anemofilo. La rete POLLNET utilizza il metodo di Jäger (Jäger et al. 1996), secondo cui la stagione pollinica è compresa tra i giorni in cui viene raggiunto rispettivamente l’1% e il 95% del totale annuo delle concentrazioni giornaliere, considerando che dalla data di inizio non devono seguire più di 6 giorni con conta pollinica nulla;
Calendario pollinico: una rappresentazione grafica dei periodi di presenza e delle concentrazioni medie dei diversi pollini e spore anemofili nel corso dell’anno, elaborato sulla base di dati riferiti a un periodo di monitoraggio pluriennale, fino a un massimo di 10 anni;
Indice Pollinico Annuale: somma delle concentrazioni giornaliere di tutti i granuli pollinici registrati in una stazione della rete di monitoraggio nel corso di un anno.

 

STAZIONI DI MONITORAGGIO
 
I rilevamenti vengono effettuati dall’ARPAM attraverso 4 stazioni di monitoraggio, ubicate rispettivamente nei Comuni di:
Castel di Lama – AP (Stazione AP4): clima continentale in zona pre-appenninica, dati disponibili 2010-2020;
Comunanza – AP (Stazione AP5): clima subcontinentale in zona pre-urbanizzata, dati disponibili 2017-2020;
Ancona (Stazione AN1): clima subcontinentale misto al mediterraneo, operativa dal 12/02/2019;
Pesaro (Stazione PU1): clima sublitoraneo, operativa dal 06/07/2020.

Di seguito le mappe riportanti rispettivamente, per ciascuna stazione:
- l’indicazione della distribuzione delle 7 famiglie allergeniche nell’anno 2020;
- le caratteristiche dell’impianto (mappa interattiva; cliccando sulla sezione “foto” e scorrendo con la freccia a destra è possibile visualizzare la composizione percentuale delle biodiversità sul totale dei taxa nell’anno 2020). I dati forniti dalla stazione di Pesaro (PU1) non vengono riportati, in quanto operativa soltanto dal 06/07/2020.
 

depuratori

Distribuzione delle 7 famiglie allergeniche nell'anno 2020
(clicca per ingrandire)

    

depuratori1

Mappa interattiva degli impianti di campionamento pollini e spore

 
CALENDARIO POLLINICO
 
I calendari pollinici (elaborati su dati pluriennali, da un minimo di 3 a un massimo di 10 anni) riassumono le informazioni sul volo pollinico delle famiglie e/o generi botanici di maggior interesse allergologico.
I valori vengono espressi in quattro classi di concentrazione (assente - molto bassa, bassa, media e alta) associate rispettivamente a quattro colori (bianco, giallo, arancione e rosso). Di seguito sono elencati per ogni famiglia e/o genere i valori (intervalli) stabiliti per le quattro classi di concentrazione (Fonte: Rete PollNet).

Pollini Valori
Si sottolinea che le quattro classi di concentrazione non corrispondono ai livelli di "rischio allergia": la valutazione fa riferimento alla quantità di polline delle varie specie/famiglie anemofile presenti nell'aria in un determinato momento e non fornisce indicazioni sulle concentrazioni polliniche "soglia" scatenanti una reazione allergica, rilevando soltanto eventuali livelli di “attenzione”
 
POLLINI - Valori delle concentrazioni per decadi/mese
 

STAZIONE CASTEL DI LAMA (AP4) – Copertura temporale 2010 - 2020
Clicca qui o sull'immagine per accedere alla tabella interattiva e scaricare i dati in formato aperto.

Pollini calendario AP4
STAZIONE COMUNANZA (AP5) – Copertura temporale 2017 - 2020
Clicca qui o sull'immagine per accedere alla tabella interattiva e scaricare i dati in formato aperto.

Pollini calendario AP5


SPORE - Valori delle concentrazioni per decadi/mese
 

STAZIONE CASTEL DI LAMA (AP4) – Copertura temporale 2010 - 2020
Clicca qui o sull'immagine per accedere alla tabella interattiva e scaricare i dati in formato aperto.

Pollini calendario AP4
STAZIONE COMUNANZA (AP5) – Copertura temporale 2017 - 2020
Clicca qui o sull'immagine per accedere alla tabella interattiva e scaricare i dati in formato aperto.

Pollini calendario AP5

 

ANDAMENTO TEMPORALE (TREND)
 

Andamento dell'Integrale Pollinico Allergenico (IPA, N° granuli /m3 d’aria), Stazione di Castel Di Lama -  Piante Arboree e Erbacee
Anni 2010-2020

 

 
ATTIVITÀ DELL'ARPAM - ANNO 2020
 
Ogni settimana ARPAM produce, per ogni stazione, un Bollettino di sintesi riportante i dati espressi in granuli di polline, o numero di spore fungine, per metro cubo di aria campionata; integrano le informazioni del Bollettino le previsioni per la settimana successiva e il commento dell’allergologo.
 
Copertura percentuale della presenza di dati rilevati per Stazione nell'anno 2020
 
 
Campioni esaminati, commenti aerobiologici e previsioni  nell'anno 2020
 
 

ARGOMENTI CORRELATI
 
Per approfondimenti e ulteriori notizie, è possibile consultare queste pagine del sito ARPAM:

Monitoraggio aerobiologico – Bollettino settimanale
Pollini "disorientati" a dicembre: anche questo è climate changePollini "disorientati" a dicembre: anche questo è climate change
Pollini e cambiamenti climatici: correlazione di variabili climatiche con lo spettro pollinico
Lo stato dei principali pollini allergenici in Italia nel 2020 (link al sito SNPAmbiente)


 

  • Ultimo aggiornamento il .
  • Visite: 177

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.