INDICATORE AMBIENTALE: SITI CONTAMINATI

 siti contaminati

 

 

 

 INDICATORE    OBIETTIVO    DPSIR    STATO ATTUALE TREND  
 
SITI CONTAMINATI         
  Conoscere il numero, l'ubicazione e lo stato di classificazione dei siti contaminati nella regione Marche
   SR
   stato positivo    trend miglioramento 

Legenda:

DPSIR:           |  D - Determinante  |  P - Pressione  |  S - Stato  |   I - Impatto  !  R - Risposta
Stato attuale:  | stato positivo  Positivo  |  stato intermedio incerto  Intermedio o incerto  |  stato negativo  Negativo
Trend:            | trend miglioramento  In miglioramento  |  trend stabile incerto  Stabile o incerto  | 
trend peggioramento In peggioramento
Sigle utilizzate: CSC -> Concentrazioni Soglia di Contaminazione  |  CSR -> Concentrazioni Soglia di Rischio  |  SIRSI -> Sistema Informatico Regionale Siti Inquinati  |
                       ARPAM-ARSB -> Centro gestionale Anagrafe siti da bonificare presso ARPAM  | 
 
CARATTERISTICHE DELL'INDICATORE (METADATI)
 
Descrizione                 
    
L’indicatore fornisce il numero e l’ubicazione provinciale dei siti che sono inseriti nel sistema gestionale regionale dei siti contaminati. In particolare i siti sono stati suddivisi in tre tipologie, come previsto dal D.Lgs 152/06 Parte IV Titolo V e s.m.i. Sono stati considerati i siti potenzialmente contaminati, cioè quei siti che hanno rilevato superamenti delle specifiche concentrazioni-soglia di contaminazione, i siti contaminati, cioè quelli che dopo caratterizzazione ed analisi di rischio hanno evidenziato un rischio sanitario/ambientale non accettabile, e infine i siti con procedimento di bonifica concluso.
Riferimento normativo D.Lgs. 152/06 – Parte IV Titolo V, DM 31/2015, DM 471/99
Obiettivi normativi Il DM 471/99, emanato in attuazione del D.Lgs. 22/97, prevedeva che ogni Regione istituisse l'Anagrafe dei siti contaminati, realizzata in accordo con i "Criteri: contenuti e struttura dati” messi a punto dal gruppo di lavoro nazionale APAT, ARPA, APPA. Il D.Lgs. 152/06 ha previsto sostanziali variazioni rispetto a quanto precedentemente normato in quanto viene modificata la dizione di sito contaminato. In particolare come previsto dall'art. 240 del D.Lgs 152/06 si definisce come sito contaminato il sito nel quale il valore delle concentrazioni soglia di rischio risultano superate per le matrici ambientali suolo/sottosuolo ed acque sotterranee. Questa variazione ha imposto una revisione dei siti precedentemente inseriti nell'Anagrafe Regionale. Inoltre l'art. 251 assegna alla Regione la competenza relativamente alla predisposizione dell'Anagrafe Regionale dei siti da bonificare. A tale riguardo la L.R. 12 ottobre 2009, n. 24 all’art.2 affida alla Regione Marche l’approvazione dell’aggiornamento dell’anagrafe dei siti inquinati regionali predisposto dall’Agenzia regionale per la protezione ambientale delle Marche (ARPAM).
Dal 01 ottobre 2018, con l’emanazione della D.G.R. 1104 del 06/08/2018 sono state avviate tutte le procedure previste dalla stessa Delibera Regionale per la gestione del software SIRSI. In particolare presso il Dipartimento di Ancona è stato attivato il centro di gestione, coordinamento e assistenza ARPAM-ARSB.
Fonte dati ARPAM - Sistema Informativo Regionale Siti Inquinati - SIRSI
Unità di misura Numero, percentuale
Unità elementare di rilevazione Sito potenzialmente contaminato, Sito contaminato, Sito con procedimento concluso
Livello_minimo_geografico                
Regione / Provincia
Copertura geografica  Regione Marche
Periodicità rilevamento dati  Continua
Periodicità rilevamento indicatore
Annuale
Copertura temporale  2010 - 2020
Ultimo aggiornamento indicatore 26/11/2020
Prossimo aggiornamento indicatore Novembre 2021

ANALISI DEI DATI - Distribuzione per Provincia
 

Per ciascuna provincia, escluso il Sito di Interesse Nazionale di Falconara Marittima, è stato determinato il numero dei siti:
- contaminati (C.), per i quali risultano superati i valori delle concentrazioni soglia di rischio (CSR);
- potenzialmente contaminati (P.C.), per i quali uno o più valori di concentrazione delle sostanze inquinanti risultano superiori ai valori di concentrazione soglia di contaminazione (CSC);
non contaminati (N.C.), per i quali è terminato il procedimento di bonifica.

Nel complesso i siti contaminati e potenzialmente contaminati nelle Marche sono rispettivamente 102 e 468, mentre risultano 508 i siti per i quali è terminato il procedimento di bonifica.
Nella tabella 1 e nella figura 1 sono riportate le statistiche per provincia, tenendo conto che non è stato incluso un sito non contaminato poiché risulta afferente a più province.
Ai fini di un confronto omogeneo non sono stati considerati i siti relativi al SIR del Basso Bacino del Chienti (BBC) presenti nel territorio provinciale di Macerata (P.C. n. 158; N.C. n. 274 ) e Fermo (P.C. n. 19; N.C. n. 54), in virtù del fatto che, prima del declassamento del BBC da SIN a SIR nella macro area perimetrata dal Ministero, qualunque tipologia di intervento sul suolo e sottosuolo prevedeva l’inserimento di un nuovo sito nell’Anagrafe regionale e pertanto tali siti non possono essere propriamente considerati siti contaminati o potenzialmente contaminati.
I siti contaminati e potenzialmente contaminati risultano in prevalenza nella provincia di Ancona (C. 35%; P.C. 57%); i siti per i quali è terminato il procedimento di bonifica risultano in maggior numero nelle province di Ancona (35%) e Pesaro-Urbino (28%).

Le tipologie di attività svolte sui siti contaminati sono a maggior frequenza associabili a punti vendita carburanti per autotrazione, aree industriali dismesse ed aree di stoccaggio di idrocarburi. In relazione a tali tipologie di attività sono rilevate comunemente contaminazioni delle matrici suolo/sottosuolo ed acque sotterranee da Idrocarburi aromatici ed alifatici, metalli e solventi clorurati.

 
Tabella 1 - Numero dei siti contaminati, potenzialmente contaminati e con procedimento concluso, ripartiti per province
 
Numero di siti Contaminati Potenzialmente contaminati Con procedimento concluso
  nr % nr % nr %
Ancona 36 35 167 57 62 35
Ascoli Piceno 13 13 29 10 20 11
Fermo 15 15 5 2 15 8
Macerata 17 17 28 10 32 18
Pesaro-Urbino 21 21 62 21 50 28
Totale 102 - 291  - 179  -
Nota: sono esclusi i siti afferenti al Basso Bacino del Chienti (BBC)

 

Regione Marche - Siti contaminati per Provincia
 

 

Regione Marche - Siti potenzialmente contaminati per Provincia
 

 

Regione Marche - Siti con procedimento concluso per Provincia
 

 

ANDAMENTO TEMPORALE (TREND)
 
Al fine di individuare un andamento temporale di tutti i siti oggetto di procedura di bonifica, siti con procedimento concluso e siti contaminati, presenti nelle Marche, ivi compresi il SIN di Falconara Marittima e il SIR del Basso Bacino del Chienti-BBC (esclusi nei grafici sopra riportati), sono stati analizzati i dati nell’intervallo temporale che va dal 2010 al 2020 (tabella 2).
In merito ai siti oggetto di procedura di bonifica, si evidenzia una crescita costante delle nuove notifiche con una media di 48 nuove notifiche all’anno. Relativamente ai siti con procedimento concluso il dato medio risulta essere di 25 siti certificati/autocertificati all’anno.  Per quanto riguarda i siti contaminati, che presentano cioè superamenti delle CSR calcolate con la procedura di analisi di rischio, il loro numero risulta in lieve decrescita sino ad arrivare ad un valore attuale di 277 siti.
È possibile ormai costatare un bilanciamento tra i siti di nuova notifica ed i siti che concludono le procedure di bonifica.

 

Tabella 2 - Andamento temporale dei siti oggetto di procedura di bonifica, siti contaminati e siti con procedimento concluso, nelle Marche
 
anno   siti oggetto di procedura di bonifica   siti contaminati   siti con procedimento concluso
2010   673   297   295
2011   714   294   306
2012   779   293   330
2013   856   285   410
2014   904   283   422
2015   943   282   437
2016   991   280   455
2017   1025   281   473
2018   1074   264   508
2019   1092 273 508
2020 *
  1107   277   516
* Nota: rilevamento dati effettuato il 24.11.2020

 

Siti contaminati - Trend 2010-2020
 

 

COMPITI DELL'ARPAM E NORME DI RIFERIMENTO
 
ATTIVITÀ DI SUPPORTO TECNICO-SCIENTIFICO AGLI ENTI DI CONTROLLO
- Lgs 152/06 - art. 241 bis - commi 4-ter, 4-quater, 4-octies
-
Lgs 152/06 - art. 242 - commi 2, 3, 4, 12
-
Lgs 152/06 - art. 248 - commi 1 e 2
-
DM 31/2015 - Allegato 1 e 2
-
DGR 329/2011
ATTIVITÀ DI CONTROLLO SU INIZIATIVA E/O SU RICHIESTA DEGLI ENTI DI CONTROLLO
-
Lgs 152/06 - art. 242 - commi 3 e 12
-
Lgs 152/06 - art. 244 - comma 1
-
Lgs 152/06 - Titolo V della Parte IV - Allegato 2
-
DM 31/2015 - Allegato 2 – comma 2.3
-
DM 31/2015 - art. 4 - comma 2
GESTIONE ANAGRAFE SIRSI  - Sistema Informativo Regionale Siti Inquinati
-
A
rt. 251 del D.lgs. 152/06 e s.m.i.
-
R. 12 ottobre 2009, n. 24 all’art.2
- D.
G.R. 1104 del 06/08/2018
Le principali finalità del sistema di gestione sono quelle di:
- avere a disposizione dati omogenei, aggiornati e validati in merito allo stato di tutti i siti presenti nel data base;
- mettere a disposizione un percorso guidato per l’utente che compila e trasmette i dati in base alla fase dell’iter amministrativo raggiunto;
- geolocalizzare i siti e le relative perimetrazioni con creazione di un WEB Gis.

 

ARGOMENTI CORRELATI
 
Per approfondimenti e ulteriori notizie, è possibile consultare queste ulteriori pagine del sito ARPAM:
Sistema Informativo Regionale Siti Inquinati (S.I.R.S.I.)
Sito di Interesse Nazionale: Falconara Marittima (AN)

 

  • Ultimo aggiornamento il .
  • Visite: 138

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.