testa2

I pollini testimoni del cambiamento climatico

Sul sito SNPA un interessante articolo della D.ssa Nadia Trobiani del nostro Centro Regionale di Aerobiologia del Dipartimento di Ascoli Piceno, esplora il legame tra dispersione delle particelle biologiche e fenomeni atmosferici e climatici.

ambrosia

Lo scorso mese di maggio è stato protagonista di una primavera particolarmente anomala, all’insegna del maltempo, dove le temperature rigide molto al di sotto della media stagionale hanno interrotto le fioriture tipiche del periodo, generando, fra gli altri, importanti effetti a livello agronomico e moria di api per l’interruzione della dispersione in aria dei pollini anemofili.

L’arrivo di giugno, al contrario, con il repentino rialzo di temperature, ha provocato un’esplosione di fioriture scatenando, di conseguenza, forti allergie.


Un ringraziamento particolare per la preziosa collaborazione al meteorologo
Dott. Alessandro Allegrucci.
[27/08/2019]

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.