Inquinamento indoor: un gruppo di studio italiano per valutarne gli effetti sulla salute


Sei in: Epidemiologia Ambientale / Esperienze e Documenti / Inquinamento indoor...
<< non cercavi questo articolo? TORNA ALL'INDICE

In questi giorni così segnati dall’emergenza COVID-19, durante i quali alle persone è fortemente raccomandato di non lasciare la propria abitazione se non per eccezionali e improrogabili motivi, ci sembra appropriato riproporre in questa pagina i consigli forniti dal'ISS e gli interventi e studi prodotti dal Gruppo di Studio Nazionale sull'Inquinamento Indoor, che possono fornire utili indicazioni anche su semplici comportamenti da tenere per la migliore gestione delle condizioni ambientali delle nostre abitazioni.
 
(clicca sulle immagini per ingrandire)

GUARDA LE INFOGRAFICHE DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' SU COME COMPORTARSI NELL'EMERGENZA COVID-19

CONSIGLI PER GLI AMBIENTI CHIUSI   COME RACCOGLIERE E GETTARE I RIFIUTI DOMESTICI
INDOOR COPFONTE: ISS (12/03/2020) spao RIFIUTI COPFONTE: ISS (13/03/2020)
 
LEGGI I CONSIGLI DI CARATTERE GENERALE DEL GRUPPO DI STUDIO ISS SULL'INQUINAMENTO INDOOR
 
INDOOR OPUSCOLO
 
 
[Marzo 2020] Che le esposizioni agli inquinanti all'interno degli ambienti abbiano conseguenze per la salute umana è ormai al di là di ogni discussione. Essi hanno origine all'aperto e vengono trasportati all'interno, ad esempio, aprendo le finestre o per altre forme di ventilazione, oppure possono avere origine direttamente all'interno, come prodotti di diverse reazioni chimiche.

Le stime sull’incidenza delle malattie attribuite a tali esposizioni sono a dire il vero preoccupanti, e lo diventano ancor più se si considera che l’inquinamento indoor comporta un impatto e un assorbimento socioeconomici significativi, specie laddove si è dimostrato che esso è responsabile di ridurre considerevolmente produttività e apprendimento (fino al 15%), qualità del sonno e benessere in senso lato.

Le problematiche igienico-sanitarie connesse con la qualità dell’aria indoor sono pertanto state oggetto, negli ultimi anni, di numerose iniziative sia sul campo della ricerca che della normazione.

In particolare, è stato attivato presso l’Istituto Superiore di Sanità un Gruppo di Studio nazionale (GdS) sull’inquinamento indoor che vede la partecipazione di esperti dei Ministeri della Salute, dell’Istruzione, dell’Ambiente, del Lavoro e dell’Università e della Ricerca (MIUR), delle Regioni, del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), e dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) e, da ultimo, del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente SNPA.

Il Gruppo di Studio, di cui fa parte in rappresentanza del SNPA il Dott. Marco Baldini del SEA di ARPA Marche,  si propone di fare il punto della situazione attuale sul tema della qualità dell’aria indoor; particolare attenzione viene posta agli ambienti lavorativi (es. uffici, banche, posta, ecc.), domestici, scolastici e ricreativi, al ruolo delle sorgenti, alle emissioni dei materiali, agli interventi di efficienza energetica, alle esposizioni della popolazione.

Anche il SEA/OEA di ARPA Marche è intervenuto sull'argomento, presentando all'Edizione 2018 di ECOMONDO lo studio "Inquinamento dell’aria indoor e impatto sullo stato di salute nella Regione Marche".

LINK AI LAVORI DEL GRUPPO ISS SULL'INQUINAMENTO IDOOR:
- Abstract presentato alla Conferenza Internazionale sulla Valutazione del Rischio Indoor da Agenti Chimici
  (Agenzia Federale dell'Ambiente, Germania, 2018)
- POSTER
Rapporti ISTISAN 13/4: Strategie di monitoraggio dei Composti Organici Volatili (COV) in ambiente indoor
Rapporti ISTISAN 13/37: Strategie di monitoraggio dell’inquinamento di origine biologica dell’aria in ambiente indoor
Rapporti ISTISAN 13/39: Workshop. Problematiche relative all’inquinamento indoor: attuale situazione in Italia. Istituto Superiore di Sanità. Roma, 25 giugno 2012. Atti
Rapporti ISTISAN 15/4: Workshop. La qualità dell’aria indoor: attuale situazione nazionale e comunitaria. L’esperienza del Gruppo di Studio Nazionale Inquinamento Indoor
Rapporti ISTISAN 15/5: Strategie di monitoraggio per determinare la concentrazione di fibre di amianto e fibre artificiali vetrose aerodisperse in ambiente indoor
Rapporti ISTISAN 15/25: Parametri microclimatici e inquinamento indoor
Rapporti ISTISAN 16/15: Presenza di CO2 e H2S in ambienti indoor: attuali conoscenze e letteratura scientifica
Rapporti ISTISAN 16/16: Strategie di monitoraggio del materiale particellare PM10 e PM2,5 in ambiente indoor: caratterizzazione dei microinquinanti organici e inorganici
-
Rapporti ISTISAN 19/17: Strategie di monitoraggio della qualità dell’aria indoor negli ambienti sanitari strategie di monitoraggio degli inquinanti chimici e biologici
-
Rapporti ISTISAN 20/3: Qualità dell’aria indoor negli ambienti scolastici: strategie di monitoraggio degli inquinanti chimici e biologici


 << TORNA ALL'INDICE

Letto 2016 volte Ultima modifica il Mercoledì, 18 Marzo 2020 13:19

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.