epidemio bg

IL CONTROLLO DEI FALSI POSITIVI NELLE INDAGINI DI EPIDEMIOLOGIA AMBIENTALE


 Sei in: Epidemiologia Ambientale / Esperienze e Documenti / Il controllo dei falsi positivi ...
<< non cercavi questo articolo? TORNA ALL'INDICE

 

[dicembre 2013] Uno degli obiettivi dell'epidemiologia è quello di indagare la presenza di un eccesso di rischio sanitario attraverso un criterio scientifico che consiste, in prima fase, nella teorizzazione di un'ipotesi epidemiologica e, in seconda fase, nella verifica della stessa su base empirica.

E' da rilevare che, nel contesto dell'epidemiologia ambientale di tipo esplorativo, si è spesso interessati ad investigare più ipotesi contemporaneamente sullo stesso campione di dati, la verifica delle quali espone però ad un elevato rischio di avere risultati statisticamente significativi solo per effetto del caso (falsi positivi), compromettendo la misurazione dell'evidenza con la conseguente produzione di risultati inconsistenti.

In questo breve studio il SEA/OEA analizza tale problema e propone l'uso della correzione per confronti multipli nell'epidemiologia ambientale descrittiva, così da permettere una maggiore selettività e quindi una maggiore capacità di concentrare l'attenzione sugli eventi che presentano la più elevata indicazione d'impatto.

 

 

Scarica il documento: “Metodi statistici per il controllo dei falsi positivi in epidemiologia ambientale” (pdf, 291 kb)

 

 

<< TORNA ALL'INDICE

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.