epidemio bg

Epidemiologia ambientale

Il Servizio di Epidemiologia Ambientale del Dipartimento ARPAM di Ancona
si è formalmente costituito nel mese di ottobre 2001.
 
La sua attività si esplica in gran parte attorno ai settori ed alle discipline
· dell'epidemiologia ambientale;
· del risk assessment (ad es. supporto all'ASUR per l'analisi di rischio);
· della percezione e comunicazione del rischio.
 
| Guarda il nostro vcardBIGLIETTO DA VISITA  |  Seguici su fb |  
| Iscriviti alle nostre Liste di discussione  yahoo groups  Epidemiologia Ambientale e  Analisi del Rischio  |

| Consulta la pagina Esperienze/Documenti per leggere e scaricare le nostre pubblicazioni  |


 

Di cosa si occupa l'epidemiologia

Una gran parte della malattie umane sono attribuite all’esposizione a tossici negli ambienti lavorativi e di vita. Ogni sostanza presente nell’ambiente umano, se assunta o assorbita in quantità inappropriata, può risultare dannosa. In tali casi il rischio per la salute umana potrebbe essere stimabile se fossero note con precisione le concentrazioni ambientali, le vie di assorbimento e di metabolismo, gli organi bersaglio, gli effetti delle sostanze e dei metaboliti sulle cellule e la suscettibilità della popolazione esposta.  Tutte queste informazioni sono disponibili molto raramente, ed è quindi necessario ricorrere a studi tossicologici ed a studi epidemiologici.
L’epidemiologia ambientale si propone di valutare e quantificare l’effetto di esposizioni ad agenti ambientali sulla frequenza e sulla distribuzione delle malattie nelle popolazioni.
Ogni intervento di conoscenza e di tutela ambientale necessita in ultima analisi di valutazioni di tipo sanitario e per questo l’epidemiologia ambientale e la comunicazione del rischio ambientale rappresentano discipline in grado di rispondere alle richieste della popolazione.
Queste attività richiedono una indispensabile integrazione tra competenze multidisciplinari, sanitarie e tecniche ed un forte impegno sia in termini di risorse che di formazione del personale.

ARPA Marche e l'Epidemiologia

L’agenzia Regionale per la Protezione Ambientale delle Marche ha, fin dalla sua costituzione, privilegiato anche in questo campo la massima collaborazione tra le strutture deputate alla tutela ambientale ed alla tutela sanitaria della popolazione.

Costituire una rete di rapporti e di collaborazioni tra le agenzie ambientali, gli Enti del S.S.N. e gli Enti Locali e realizzare progetti formativi sono gli obiettivi a breve termine che la Direzione dell’ARPAM si è imposta e che tende a perseguire con l’avvio delle seguenti iniziative: 

  • - E' stata sottoscritta una convenzione con l'Agenzia Regionale Sanitaria che prevede forme organizzate di collaborazione per le attività di epidemiologia ambientale
  • - Analoghe convenzioni sono state stipulate con l'Azienda Sanitaria Unica Regionale Marche e con la Zona Territoriale n. 7 di Ancona per effettuare studi epidemiologici sul territorio regionale, per collaborare, anche finanziariamente, alla realizzazione di corsi teorico-pratici di formazione in epidemiologia ambientale, risk assessment e comunicazione del rischio.
  • - Sono stati avviati contatti per predisporre protocolli di collaborazione ed iniziative comuni tra le Agenzie Ambientali (ARPA, ARTA, APPA, ANPA) e le Agenzie Regionali Sanitarie (ARS) sulle problematiche della formazione e dell’interazione tra ambiente e salute.
  • - Sono stati organizzati due seminari nazionali sulle problematiche dell'integrazione tra i sistemi sanitari ed ambientali coinvolgendo gli operatori e le società scientifiche dei due sistemi
  • - Sono state attivate mailing list e forum elettronici nazionali per la discussione, la comunicazione e la documentazione delle iniziative di epidemiologia ambientale e di Ambiente e Salute.
  • Il Servizio di Epidemiologia Ambientale del Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona fa parte come Centro Epidemiologico Regionale Specialistico della Rete Epidemiologica Regionale.

=============================


L'Osservatorio Epidemiologico Ambientale delle Marche

L'Osservatorio Epidemiologico Ambientale (OEA) delle Marche è stato istituito con delibera della Giunta regionale n. 1500 del 28/09/2009. Il Servizio di Epidemiologia Ambientale del Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona ne costituisce il nucleo centrale, che si avvarrà dell'integrazione funzionale con specifiche equipe provinciali/sovrazonali di operatori del SSR dedicate alla ricerca ed alla consulenza di epidemiologia ambientale sul territorio.

I compiti dell'OEA sono: 

  • partecipazione alla realizzazione ed alla alimentazione dei flussi informativi epidemiologici;
  • controllo di qualità dei dati ambientali e sanitari;
  • gestione del datawarehouse epidemiologico-ambientale;
  • valutazioni di risk assessment sull’inquinamento ambientale;
  • sperimentazioni di forme di sorveglianza sanitaria e ambientale delle popolazioni residenti in siti contaminati;
  • supporto alle ZT dell’ASUR per le procedure di analisi del rischio (siti contaminati), tossicologia ambientale e per la sorveglianza effettuata dai Dipartimenti di Prevenzione a seguito di entrata in vigore del Regolamento europeo denominato REACH;
  • supporto alla programmazione regionale in campo ambientale - sanitario;
  • studi di epidemiologia ambientale a livello regionale e su piccole aree;
  • attività di formazione in materia di epidemiologia ambientale e risk assessment.

ultimo aggiornamento: 26/10/2016

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.