testa2

Pubblicazioni (4)

Giovedì, 06 Febbraio 2014 07:29

Pubblicazioni

bilancio preventivo 2017 2019 ico (2017)
PROGRAMMA ATTIVITA' 2018 E TRIENNALE 2018-2020
balneazione 2017 ico (2017)
RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA' DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE (stagione 2017)
mare 2013 2015 ico (2017)
RELAZIONE TRIENNALE (2013-2015) SUI CORPI IDRICI MARINO COSTIERI
Pagine da 1   Introduzione e sintesi dei risultati (2017)
RELAZIONE TRIENNALE (2013-2015) SULLA QUALITA' DEI CORPI IDRICI FLUVIALI DELLA REGIONE MARCHE
introduzione e sintesi dei risultati - cartografia: stato ecologico e stato chimico dei corpi idrici fluviali
parte I risultati monitoraggio bacini: Conca, Tavollo, Foglia, Arzilla, Metauro, Cesano
parte II risultati monitoraggio bacini: Misa, Esino, Musone
parte III risultati monitoraggio bacini: Potenza, Chienti, Tenna
parte IV risultati monitoraggio bacini: Ete Vivo, Aso, Menocchia, Tesino Albula, Tronto, Tevere
Relaz specifica destin 2013 2014 2015 ico (2017)
RELAZIONESULLE ACQUE SUPERFICIALI INTERNE A SPECIFICA DESTINAZIONE TRIENNIO 2013-2015
bilancio preventivo 2017 2019 ico (2017)
PROGRAMMA ATTIVITA' 2017 E TRIENNALE 2017-2019
Pagine da presentazione Pollini (2017)
ANNUARIO DATI PALINOLOGICI 2010/2016
Pagine da RelBal2016 REV1 (2017)
RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA' DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE ANNO 2016
Pagine da relazione laghi triennio 2013 2015 (2016)
RELAZIONE SULLO STATO DI QUALITA' DEI CORPI IDRICI LACUSTRI PER IL TRIENNIO 2013-2015
Pagine da relazione sotterranee 2013 2015 REV1

(2016)
RELAZIONE SULLO STATO DI QUALITA' DEI CORPI IDRICI SOTTERRANEI PER IL TRIENNIO 2013-2015

Aria 2015 (2016)
RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA' DELL'ARIA ANNO 2015
balneazione 2015 ico

(2015)
RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA' DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE ANNO 2015

RELAZIONE RIFIUTI 2015

(2015)
LA PRODUZIONE DI RSU, LE RACCOLTE DIFFERENZIATE E GLI INDICATORI DI GESTIONE DAL 2009 AL 2014 CON CONSIDERAZIONI TRATTE DALLE INDAGINI MERCEOLOGICHE

Pagine da Relazione corpi idrici lacustri triennio 2010 2012 (2013)
RELAZIONE SULLO STATO DI QUALITA' DEI CORPI IDRICI LACUSTRI PER IL TRIENNIO 2010-2012
Pagine da Sorveglianza Algale 2013 def (2015)
PROGRAMMA DI SORVEGLIANZA ALGALE NELLA REGIONE MARCHE ANNO 2013
 relazione 2015 e triennale 2015 2017 ico (2015)
PROGRAMMA ATTIVITA' 2015 E TRIENNALE 2015-2017
 relazione  2014 ico (2015)
RELAZIONE ANNUALE SULL'ATTIVITA' SVOLTA NELL'ANNO 2014
aria 2014 (2015)
RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DELLA QUALITA' DELL'ARIA ANNO 2014
SorveglianzaLaghi 2014 Pagina 001 (2015)
PIANO DI SORVEGLIANZA ALGALE DEI LAGHI: FIASTRONE BORGIANO E CASTRECCIONI
 Pagine da Relazionelaghi 2014 (2015)
MONITORAGGIO DEI LAGHI: FIASTRONE, BORGIANO, LE GRAZIE, POLVERINA E CASTRECCIONI
Pagine da MLG 115 14 ATEX (2015)
MANUALE OPERATIVO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO ED ATEX NELLE AGENZIE AMBIENTALI
castagneti ico (2014)
IL MONITORAGGIO AEROBIOLOGICO: UN UTILE STRUMENTO DI INDAGINE NELLO STUDIO DELLO STATO DI SALUTE DI CASTAGNETI E ULIVETI
marino ico (2014)
RELAZIONE SULLO STATO DI  QUALITA' DEI CORPI IDRICI MARINO-COSTIERI PER L'ANNO 2013
lacustri ico (2014)
RELAZIONE SULLO STATO DI  QUALITA' DEI CORPI IDRICI LACUSTRI PER L'ANNO 2013
sotterranee ico (2014)
RELAZIONE SULLO STATO DI  QUALITA' DEI CORPI IDRICI SOTTERRANEI PER L'ANNO 2013
relazione fiumi 2013 ico

(2014)
RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DI  QUALITA' DEI CORPI IDRICI FLUVIALI PER L'ANNO 2013

1

(2014)
RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA' DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE ANNO 2014

2013 radioattivita ambientale ico

(2014)
RAPPORTO RADIATTIVITA' AMBIENTALE ANNO 2103

sotterranei

(2014)
RELAZIONE SULLO STATO DI QUALITA' DEI CORPI IDRICI SOTTERRANEI PER IL TRIENNIO 2010-2012 Classificazione provvisoria

opuscolo SPP (2013)
OPUSCOLO INFORMATIVO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE
corpi idrici (2014)
RELAZIONE SULLO STATO DI QUALITÀ DEI CORPI IDRICI MARINO COSTIERI PER IL TRIENNIO 2010-2012 Classificazione provvisoria
RELAZIONE DATI QUALITA ARIA 2013 (2014)
RELAZIONE SUI DATI DELLA QUALITA' DELL'ARIA ANNO 2013
(2014)
RELAZIONE SULL'ATTIVITA' SVOLTA NELL'ANNO 2013

(2014)
BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2013

(2013)
RELAZIONE SULLO STATO DI QUALITA' DEI CORPI IDRICI FLUVIALI PER IL TRIENNIO 2010-2012 - CLASSIFICAZIONE PROVVISORIA

TOMATIS scritti in memoria

(2008)
LORENZO TOMATIS, SCRITTI IN MEMORIA

(2011)
RELAZIONE SULL'ATTIVITA' SVOLTA NELL'ANNO 2010

(2010-2012)
RELAZIONE SULLE ACQUE A SPECIFICA DESTINAZIONE

(2013)
RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA' DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE ANNO 2013

(2007)
ATLANTE FOTOGRAFICO DEL MESOZOOPLANCTON MARINO COSTIERO DELLA REGIONE MARCHE

Pagine da Gerosa

(2010)
MONITORAGGIO DELLE ACQUE E DEI SEDIMENTI DEL LAGO ARTIFICIALE DI GEROSA FINALIZZATO ALLO STUDIO CIRCA LA PRESENZA DEL CIANOBATTERIO TOSSICO PLANKTOTHRIX RUBESCENS

(2012)
RELAZIONE ANNUALE SULLA QUALITA' DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE

(2012)
RELAZIONE SULL'ATTIVITA' SVOLTA NELL'ANNO 2011

(2011)
BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2010

(2010)
SORVEGLIANZA ALGALE NELLA REGIONE MARCHE ANNO 2011
(2009)
PROGRAMMA DI ATTIVITA' ANNUALE 2010
(2011)
SORVEGLIANZA ALGALE NELLA REGIONE MARCHE ANNO 2012
(2009)
BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNO 2010
(2010)
PROGRAMMA ATTIVITA' ANNUALE 2011
(2010)
BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNO 2011

Relazione annuale qualità delle acque di balneazione


L’elemento nuovo della Direttiva Europea, che è stato completamente recepito nel D.Lgs 116/08 è quello relativo alla comunicazione delle informazioni al cittadino: la norma prevede infatti di tutelare il più possibile la trasparenza dei risultati dei controlli prevedendo che tutte le informazioni relative ad un acqua di balneazione siano facilmente accessibili nelle immediate vicinanze delle stesse. Il pubblico deve infatti essere messo a conoscenza della situazione generale delle acque (descritta con un linguaggio non tecnico e basata sul profilo delle acque di balneazione) della classificazione e dell’eventuale divieto o avviso che sconsigli di bagnarsi mediante un segnale chiaro. La normativa prevede anche di informare il pubblico relativamente al calendario di campionamento che è stato inviato all’inizio della stagione per la pubblicazione sul sito del Ministero della Salute La norma chiede anche alle autorità competenti di utilizzare adeguati mezzi e tecnologie di comunicazione, fra cui Internet, per divulgare con tempestività le informazioni sulle acque di balneazione, soprattutto nel caso di acque classificate come “scarse” o nelle condizioni a rischio di inquinamento di breve durata e ai punti di prelievo con i relativi risultati analitici di ciascuna acqua di balneazione ed alla classificazione di qualità associata ad ogni area di balneazione. Durante la stagione balneare 2012 l’informazione al pubblico per la costa pesarese è stata garantita provvedendo all’aggiornamento in tempo reale del sito web dell’ARPAM (www.arpa.marche.it) e segnalando attraverso vari articoli sulla stampa locale tutte le situazioni anomale riscontrate nelle acque prospicienti la provincia di Pesaro. Alla fine del mese di Marzo è stata completata la definizione dei profili delle acque di balneazione e successivamente sono stati stilati dei profili sintetici con una descrizione generale delle acque di balneazione, finalizzata alla divulgazione. I cartelloni divulgativi dei profili e dello stato di qualità delle acque di balneazione sono stati predisposti da ARPAM e resi disponibili ai comuni costieri per la distribuzione negli stabilimenti balneari.

Venerdì, 21 Settembre 2012 09:25

Bilancio di previsione 2013

Scritto da

Nell’anno 2013 per l’ARPAM sarà indispensabile riuscire a confermare i significativi risultati di gestione conseguiti in questi anni, tanto più importanti nell’ottica di una razionalizzazione dell’attività e di un contenimento della spesa come esige questo grave momento di crisi economica.
L’equilibrio economico finanziario, ottenuto in tutti i precedenti esercizi, grazie all’autofinanziamento e all’adozione di politiche di forte controllo e rigore degli andamenti economici, costituisce un obiettivo fondamentale che l’ARPAM intende continuare a perseguire, mantenendo il livello di efficienza delle prestazioni di controllo ambientale e di supporto tecnico scientifico che l’Agenzia svolge a favore delle istituzioni e dei cittadini marchigiani.
Oltre all’adozione di misure di contenimento dei costi, attraverso strumenti di controllo gestionale e specifici interventi per mantenere sostanzialmente l’entità dei ricavi, nell’esercizio 2013 si proseguirà, ai fini di una sempre maggiore razionalizzazione dell’utilizzo delle risorse, nella politica del miglioramento delle sinergie con la Regione Marche e con altri Enti Pubblici individuando forme di collaborazione come l’utilizzo in comune di beni, servizi e risorse umane.
Verrà attuato, infine, nell’anno 2013,  il progetto di revisione del modello organizzativo dell’Agenzia al fine di rendere più funzionale la struttura, incrementare la produttività, ottimizzare il rapporto fra costi e servizi resi e razionalizzare le attività tecnico-scientifiche svolte nei Dipartimenti Provinciali.

il Direttore Amministrativo
Adriano Celani

 

L’attuale situazione di crisi generalizzata, con conseguente riduzione delle risorse, rende sempre più difficoltosa l’attività delle amministrazioni pubbliche.
In alcuni casi sembra che si debba fare un passo indietro proprio sulle tematiche della tutela ambientale, soprattutto per recuperare maggior competitività sul lavoro e nei mercati.
Noi siamo fortemente convinti del contrario.
Maggior tutela ambientale significa miglioramento della qualità della vita con conseguente riduzione delle spese sanitarie, qualificazione della capacità produttiva delle imprese con recupero di presenza sui mercati internazionali, tutela dei consumatori dalle frodi e quindi sostengo alla economia locale e alla cultura della legalità.
Forti di queste convinzioni, proponiamo il programma delle attività dell’ARPA Marche per il 2013 senza tagli né riduzione della qualità e quantità dei servizi erogati, grazie ad una seria opera di razionalizzazione che ha reso possibile una consistente riorganizzazione della spesa.
Ringrazio per questo il personale, le organizzazioni sindacali, le rappresentanze delle categorie economiche e produttive e, soprattutto, l’Amministrazione Regionale e gli Enti Locali marchigiani, per la piena condivisione di questo percorso virtuoso a servizio della nostra comunità.

il Direttore Generale di ARPA Marche
Roberto Oreficini Rosi

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.