testa2

25.07.2019 monitoraggio marino costiero

La campagna si è svolta nel periodo 18-22/07/2019. I monitoraggi sono stati eseguiti dai 500 ai 3000 m da costa e hanno interessato l'intero tratto costiero marchigiano (da Gabicce alla foce del fiume Tronto).
I dati acquisiti mostrano una situazione generale di buona qualità ambientale. La temperatura delle acque è piuttosto uniforme da costa verso il largo, mentre si nota un certo gradiente nord-sud con valori leggermente più elevati presso il tratto costiero settentrionale.
La salinità presenta ancora valori piuttosto bassi per il periodo, specie sottoscosta in corrispondenza di alcuni tra i principali fiumi marchigiani (Esino, Chienti). Il livello di ossigenazione delle acque è nella norma su tutta la colonna d'acqua e non sono presenti situazioni di ipossia sul fondo. Le concentrazioni di clorofilla "a" sono ovunque contenute. I livelli di trasparenza delle acque risultano piuttosto bassi, specie in corrispondenza delle foci fluviali del fermano e ascolano.
Da segnalare la presenza di meduse urticanti appartenenti alla specie Rhizostoma pulmo rilevate sottocosta a sud del Conero.

vai a monitoraggi marino costieri 2019

22.07.2019 ozono: otto superamenti del valore obiettivo

Sono stati  registrati otto superamenti del valore obiettivo previsto dall’allegato VII del D.Lgs 155/2010 nelle stazioni di: San Benedetto, Ancona Cittadella, Ascoli Monticelli, Macerata Collevario, Urbino, Genga, Montemonaco e Falconara Alta.
Non si segnalano superamenti della soglia di informazione e della soglia di allarme.
L’ozono è un gas irritante per gli occhi e le vie respiratorie.
La Regione Marche comunica che le altre 12 stazioni non hanno registrato superamenti della soglia di informazione, ma consiglia comunque l’intera popolazione di attenersi alle seguenti precauzioni a tutela della salute: evitare che le persone più fragili, quali bambini, anziani, cardiopatici, persone affette da malattie respiratorie croniche, stiano a lungo all’aperto in particolare tra le ore 12 e le ore 16; inoltre che tutti evitino, nelle stesse ore, prolungati sforzi fisici all’aperto.
Si raccomanda un’alimentazione leggera, ricca di verdura e frutta e di bere molto, ma non alcolici.

IL CALENDARIO

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.