testa2

20.09.2019 monitoraggio marino costiero

Settembre 2019.I monitoraggi sono stati eseguiti dai 500 ai 3000 m da costa e hanno interessato l'intero tratto costiero marchigiano (da Gabicce alla foce del fiume Tronto). La temperatura delle acque è risultata piuttosto uniforme da costa verso il largo, mentre si è notato un certo gradiente nord-sud dovuto principalmente al fatto che il monitoraggio del tratto meridionale è stato possibile solo dopo il passaggio di una lunga perturbazione da nord. La stabilità della colonna d'acqua (acqua più calda e quindi leggera in superficie, acqua più fredda e pesante sul fondo) è stata confermata dalla presenza di un termoclino impostato sui 10-12 metri di profondità. I dati acquisiti mostrano una situazione generale di buona qualità ambientale testimoniata da basse concentrazioni di clorofilla "a" e discreti valori di trasparenza. I valori della salinità sono più alti rispetto alla campagna precedente, segno che gli apporti fluviali sono ancora ridotti. Il livello di ossigenazione delle acque è risultato nella norma su tutta la colonna d'acqua e non sono state rilevate situazioni di ipossia sul fondo. Da segnalare la presenza sottocosta su tutto il tratto costiero regionale di sciamature di Mnemiopsis leidyi, comunemente chiamate Noci di mare. Questi ctenofori sono organismi gelatinosi e trasparenti, simili alle meduse, ma non urticanti.

vai a monitoraggi marino costieri 2019

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.